MADONNA COL BAMBINO DORMIENTE

“Remake” della “Madonna col bambino dormiente” di Giovanni Battista Salvi, detto il Sassoferrato (1609-1685), attraverso la tecnica del collage dei rifiuti.

ENG

Giovanni Battista Salvi, detto il Sassoferrato.
Autoritratto, 1650,
Galleria degli Uffizi

Con una chiara ispirazione a Raffaello e Guido Reni, il Sassoferrato è un artista sconosciuto per molti. Questo è stato uno dei motivi della mia scelta su questo artista ignoto e occultato nei meandri della Storia dell’Arte e che mi ha colpito per questo tema così classico, quanto intimo ed emozionante nelle luci e nella profonda dolcezza con cui l’artista interpreta la composizione.

Giovanni Battista Salvi colpisce per la sua raffinatezza del tratto e la stesura dei colori con la quale raffigurò nei sui quadri immagini devozionali per lo più per committenti privati.

Egli viene considerato un fedele esecutore della tradizione pittorica italiana del suo tempo.

Giovanni Battista Salvi detto il Sassoferrato, “Madonna col Bambino dormiente”

DONE, 2021, “Madonna col Bambino dormiente”